United Peacers The World Community for a New Humanism è un progetto internazionale messo a disposizione dei singoli operatori di pace di tutto il mondo e delle loro associazioni, perciò ha necessariamente le caratteristiche di apartiticità, aconfessionalità ed è svincolato da interessi di parte o di sistema.

La World Community for a New Humanism (Casa Comune degli Operatori di Pace) rappresenta un punto di arrivo e allo stesso momento un punto di partenza. È qualcosa che parte da lontano e che porta con sé tanta esperienza, applicazione, ricerca e innovazione. È da UNIPAX che vengono gli stimoli fondamentali tutti rivolti a favorire la nascita di una rete mondiale, di un nuovo soggetto internazionale indipendente: The World Community for a New Humanism. 

UNIPAX – Unione Mondiale per la Pace e i Diritti Fondamentali dell’uomo e dei popoli – è una NGO che opera a livello nazionale e internazionale. È associata a UN/DGC – United Nations Department of Global Communications, all’ASviS – l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile – Agenda 2030 delle Nazioni Unite – e collabora con i principali organismi e le istituzioni internazionali, in particolare con l’Unione Europea e il Consiglio d’Europa. 

Sito web: www.unipax.org    

Social: https://www.facebook.com/unipax.org         

 Vedi anche:WIKIPEDIA alla voce UNIPAX

L’obiettivo principale di UNIPAX è quello di porsi al servizio di quanti vogliono essere operatori di pace e costruttori di un nuovo umanesimo ed è con questo spirito che sta agendo anche in questo caso.

UNIPAX mette a disposizione della Community tutto il suo più che trentennale know-how compresa la più grande World Directory mai realizzata contenente oltre 100.000 organismi di tutti i continenti, impegnati per la civile convivenza e la pace divisi in 5 macrosettori. Con circa 30.000 di questi ha già avviato i primi contatti. 

Fin dall’inizio del 2017 si è preparato il progetto per l’avvio della: “UNITED PEACERS – The World Community for a New Humanism” creando un Comitato Promotore per la sua realizzazione.  

Una volta raggiunto l’obiettivo di facilitare l’avvio della Community, UNIPAX sarà una delle tante associazioni che la compongono e che potrebbe gestire il sito e la piattaforma per conto della Community qualora la stessa lo ritenesse utile allo scopo.

“The World Community for a New Humanism” si realizza tramite una rete mondiale, una piattaforma digitale che permetta agli operatori di pace di dialogare e collaborare tutti insieme.


LA RETE MONDIALE DEGLI OPERATORI DI PACE

La piattaforma digitale della World Community for a New Humanism

La partecipazione attiva degli operatori di pace si potrà sviluppare tramite l’utilizzo di un sistema operativo informatico, la Piattaforma digitale multilingue della World Community for a New Humanism. Si tratta di un luogo di incontro virtuale, multilingue, fruibile a livello internazionale, strutturato, efficiente e che permette un dialogo costante e immediato utile ad elaborare insieme proposte e idee da condividere in tempo reale.

Tutti i PEACERS, cioè tutte quelle persone singole, quelle associazioni, enti ed organismi, che operano per la pace e la civile convivenza, hanno un limite, quello di non contare abbastanza in ambito mondiale. Per poter finalmente incidere concretamente nelle decisioni che riguardano la difesa dei diritti fondamentali, lo sviluppo sostenibile, l’equa distribuzione della ricchezza, la fine delle guerre e poter influire per trovare soluzioni efficaci ai grandi problemi globali, i Peacers devono unire le proprie voci facendole diventare un’onda d’urto, un boato di pace, che non possa rimanere inascoltato, questo è ciò che noi chiamiamo EFFETTO UNITED PEACERS.

Pur continuando come sempre a operare in modo indipendente nei propri ambiti specifici, tutti i Peacers del mondo hanno bisogno, di essere dialoganti, interconnessi, con la possibilità di coordinarsi a livello internazionale per far capire al Mondo che gli operatori di pace ci sono e sono tantissimi, sanno ciò che vogliono e sono, tutti insieme, determinati a ottenerlo. Si cesserà così di avere singole organizzazioni di Peacers armati di buona volontà ma deboli nella sostanza, per costituire finalmente una rete mondiale solida e operante di UNITED PEACERS.  Dalla unione delle forze, dalla connessione delle proposte e richieste scaturiscono risultati sorprendenti e impossibili da ottenere agendo in modo non coordinato. Le associazioni che faranno parte di UNITED PEACERS, con i loro operatori di pace, potranno collaborare per individuare e perfezionare assieme le richieste essenziali, le proposte vitali, fondamentali, i minimi denominatori comuni per garantire la civile convivenza internazionale e la pace. Queste sono richieste da presentare tutti insieme, con la forza dei grandi numeri, alle Istituzioni nazionali e internazionali per far sì che vengano affrontate quelle emergenze planetarie che nessun Stato, nessun organismo o associazione può risolvere da solo.

Ad esempio, tutti si rendono conto che sarebbe necessaria una riforma dell’ONU per poter affrontare i gravi problemi che assillano l’umanità, ma se la richiesta dovesse arrivare da una singola associazione di operatori di pace, anche se prestigiosa, non avrebbe alcun seguito (fatto già verificato) al contrario l’associazione rischierebbe di essere ridicolizzata se non derisa. Ben diverso sarebbe se migliaia di associazioni di operatori di pace di tutti i continenti presentassero assieme e con decisione la stessa richiesta, riuscendo inoltre a sostenerla con la potenza di una presenza mondiale coordinata sui social media.

Si svilupperebbe così l’effetto UNITED PEACERS e questo potrebbe avvenire per ogni richiesta che si riterrà opportuno presentare!

UNITED PEACERS si costruisce insieme, non vi si aderisce semplicemente, è la nostra casa comune, la nostra World Community, quindi è di tutti noi che intendiamo operare per il suo sviluppo a livello internazionale mondiale. Collaborare senza personalismi e campanilismi, mantenendo ciascuno la propria libertà e specificità, sarà fondamentale per il successo dell’iniziativa.

Solo agendo tutti insieme, in merito alle richieste essenziali per il nostro futuro, noi cittadini del mondo con le nostre organizzazioni possiamo sperare in un Nuovo Umanesimo di civile convivenza e di pace segnando una svolta al corso della Storia.

La World Community si appresta a lanciare una proposta iniziale, aperta di progetto operativo da perfezionare insieme inizialmente facendo particolare riferimento al testo “La Rivoluzione Globale per un Nuovo Umanesimo – Le vie d’uscita dalle emergenze planetarie” di Orazio Parisotto Founder di UNIPAX e promotore della FONDAZIONE UNITED PEACERS.  La World Community sottopone alla valutazione e ai contributi degli operatori di pace di tutti i continenti  attraverso la specifica piattaforma multilingue una serie di documenti e proposte operative che sono qui elencati e altre proposte che emergeranno nell’ambito dei lavori della World Community stessa: Carta Universale dei Doveri Fondamentali (bozza); Onu Terzo Millennio (ipotesi);  Regolamento Mondiale per la Civile Convivenza (bozza)Maxi Petizione in Dieci Punti (bozza)

Il Tempio del Nuovo Umanesimo

Le procedure di attivazione del progetto sono “Work in Progress”, vi invitiamo pertanto a visitare la pagina “Come aderire al progetto” e a seguirci sui social network.

NOTA BENE: non c’è alcuna forza politica, economica, religiosa o di altro genere dietro a questa iniziativa che nasce dalla presa di coscienza e dalla volontà dei cittadini che hanno capito che qualsiasi reale progresso per la loro vita non può che venire dal basso attraverso una loro consapevole e attiva partecipazione sociale facilitata dai nuovi mezzi di comunicazione e attraverso la creazione di istituzioni realmente democratiche a tutti i livelli dal quartiere all’Onu.

Follow by Email
Facebook