IL RISPETTO E L’APPLICAZIONE DEI “DOVERI FONDAMENTALI DELL’UOMO” NON DEVONO ESSERE INTESI COME UNA IMPOSIZIONE, BENSI’ COME UNA CONQUISTA IN FAVORE DELLA DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA E DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL’UOMO.

L’essere umano, essendo dotato di personalità e cultura proprie, deve cercare la sua realizzazione rispettando i propri simili e ha il dovere di impegnarsi per il bene comune, partecipando a tutti i livelli del vivere sociale.

I testi dei Diritti Fondamentali partendo dalla Dichiarazione Universale delle Nazioni Unite, sono andati successivamente specializzandosi in numerose Dichiarazioni, Carte, Convenzioni, Protocolli e Patti. A tali Diritti fondamentali universalmente riconosciuti, anche se non sempre implementati, fanno riscontro implicitamente, quale rovescio della medaglia, i relativi Doveri Fondamentali, dei quali, peraltro troppo poco si è parlato e dei quali non è mai stata redatta e diffusa una “Carta” nonostante la grande utilità che la stessa può assumere a livello sociale.

L’importanza di questa Carta è data soprattutto dal fatto che essa può fungere da guida e stimolo a una reale partecipazione attiva dei cittadini ai vari livelli del vivere sociale e contemporaneamente è utilizzabile come “Carta Universale dei Doveri Fondamentali delle Organizzazioni Umane”.

Una Carta Universale dei Doveri Fondamentali rafforza e rende operativamente più incisive tutte le Carte e Dichiarazioni sui Diritti fondamentali.

Si tratta di una “Carta” da sottoporre alla valutazione e stesura definitiva delle Nazioni Unite per poi essere posta all’attenzione di tutti i Paesi Membri  che dovrebbero adottarla e inserirla nei rispettivi ordinamenti nazionali e territoriali.

E’ importante sottolineare che:

IN SENSO GENERALE E ASSOLUTO È DOVERE PRIORITARIO QUELLO DI SODDISFARE I BISOGNI PRIMARI CHE LIBERINO L’UOMO DALLA FAME, DALLA SETE, DALLA SCHIAVITU’, DALL’IGNORANZA, DALL’INDIGENZA E DALLA GUERRA (questi riferimenti si trovano comunque distribuiti all’interno del decalogo).

BOZZA DEL DECALOGO DEI DOVERI FONDAMENTALI DELL’UOMO

1° VITA

OGNI CITTADINO HA IL DOVERE DI IMPEGNARSI PER GARANTIRE A LIVELLO LOCALE E UNIVERSALE

IL RISPETTO DELLA VITA QUALE BENE SUPREMO E UNA VITA DIGNITOSA AD OGNI PERSONA IN PARTICOLARE A OGNI BAMBINO E AGLI ANZIANI

E’ doveroso impegnarsi innanzitutto nel rispetto della propria vita e della propria persona, finalizzato al conseguimento di un corretto equilibrio psico-fisico e di una vita dignitosa operando secondo gli inalienabili principi di libertà, solidarietà, giustizia e rispetto per gli altri. E’ doveroso impegnarsi, per quanto possibile, a garantire per tutti a livello universale, il rispetto della vita e la ricerca della miglior qualità della stessa in ogni sua fase e, quindi, di un’infanzia, un’adolescenza e una maturità serene, favorendo la salute, il soddisfacimento dei bisogni essenziali, l’istruzione, il lavoro, la casa, la sicurezza, la terza età vissuta dignitosamente e rispettata, il tutto in condizioni sociali e ambientali dignitose, fino alla morte naturale adeguatamente assistita. 

È doveroso riconoscere la parità di genere, delle varie tendenze sessuali e il pieno rispetto integrale dei minori. Doveroso è l’impegno di combattere la tratta degli esseri umani e la loro messa in schiavitù, così come vietare le sperimentazioni pericolose di qualsiasi tipo sulla persona e ancor più il commercio degli organi. È doveroso altresì combattere ogni forma di trattamento degradante e lesivo dell’integrità psico-fisica in particolare nei confronti delle donne, ad esempio con l’infibulazione e la resezione clitoridea, ma anche degli uomini con la castrazione.

E’ doveroso altresì impegnarsi per l’abolizione in tutto il mondo della pena di morte in qualsiasi modo sia messa in atto, primo tra tutti l’indescrivibile sistema della lapidazione e, ancora, per l’abolizione della tortura e, in genere, di ogni forma di sevizie.

2° PARTECIPAZIONE

OGNI CITTADINO HA IL DOVERE DI IMPEGNARSI PER GARANTIRE A LIVELLO LOCALE E UNIVERSALE

LA POSSIBILITA’ DI PARTECIPARE ALLA GESTIONE DI TUTTI I LIVELLI DEL VIVERE SOCIALE, IN PARTICOLARE AL MONDO DELLA POLITICA E DEL LAVORO

E’ doveroso impegnarsi per garantire il rispetto e la crescita evolutiva delle Comunità, da quella locale a quella mondiale(dal quartiere all’ONU),partecipando alla loro evoluzione in modo democratico, impegnandosi a garantire la libera partecipazione alla vita comunitaria e alla pratica politica a tutti i livelli, senza ghettizzazioni o limitazioni di scelte e/o di proposte. E’ doveroso  impegnarsi a garantire ovunque il riconoscimento della libertà di opinione, di formazione di partiti e movimenti, di riunione, di espressione, di libero voto nelle scelte dei pubblici rappresentanti a tutti i livelli internazionali, nazionali e territoriali, prescindendo dalle posizioni dei pubblici poteri, sempre salvaguardando la sicurezza pubblica e i diritti dei liberi cittadini, impegnandosi affinché si evitino interventi di repressione armata e violenta dei pacifici assembramenti e delle proteste individuali, settoriali o di massa.

E’ dovere, oltre che diritto, dei cittadini partecipare, in piena libertà, alle pubbliche consultazioni con garanzia di libere scelte.

E’ doveroso impegnarsi per garantire per tutti il diritto a un lavoro dignitoso in quanto fonte di attiva partecipazione sociale, di benessere per ciascuno e per tutta la comunità.

3° PACE e CIVILE CONVIVENZA

OGNI CITTADINO HA IL DOVERE DI IMPEGNARSI PER GARANTIRE A LIVELLO LOCALE E UNIVERSALE

LA PACE E LA CIVILE CONVIVENZA, LOTTANDO CONTRO OGNI FORMA DI VIOLENZA, DI TERRORISMO, DI MALAVITA ORGANIZZATA E DI GUERRA IN OGNI SUA FORMA ED ESPRESSIONE

E’doveroso impegnarsi per prevenire e impedire sul nascere ogni azione bellica, guerre tra stati o intestine tra etnie, gruppi religiosi, movimenti politici, ecc. a meno che l’azione bellica non sia motivata da difesa contro aggressioni o da interventi in appoggio a popolazioni vittime di violenze e soprusi da parte di dittature che non rispettano i diritti fondamentali dell’uomo e dei popoli.

E’ doveroso impegnarsi a garantire la pace contro ogni forma di terrorismo, a garantire il  divieto di coinvolgimento bellico di civili inermi, il loro arresto di massa, la loro uccisione per rappresaglia. È ancora doveroso vietare l’uso di ogni arma di distruzione di massa e in particolare di armi atomiche, di bombe a grappolo, di mine antiuomo, di armi chimiche e a gas e impegnarsi per il rispetto fisico e il trattamento umano dei prigionieri. È doveroso impegnarsi a prevenire e combattere genocidi etnici in qualunque forma possano essere effettuati:con sistemi bellici, esodi forzati, privazione dei beni essenziali alla sopravvivenza e alla salute.

È altresì doveroso combattere strenuamente ogni forma di malavita organizzata.

4° EDUCAZIONE e RICERCA SCIENTIFICA

OGNI CITTADINO HA IL DOVERE DI IMPEGNARSI PER GARANTIRE A LIVELLO LOCALE E UNIVERSALE

UNA CORRETTA E IMPARZIALE EDUCAZIONE E INFORMAZIONE PER TUTTI E UNA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA LIBERE, LE CUI APPLICAZIONI SIANO RIVOLTE ESCLUSIVAMENTE ALL’INCREMENTO DELLA QUALITA’ DELLA VITA

E’ doveroso impegnarsi per garantire a ogni bambino amore e serenità e la migliore crescita educativa e socio culturale possibile, impegnandosi a garantire a tutti una educazione civica aperta e interculturale, tale da permettere a ognuno di essere cittadino a tutti gli effetti e quindi di poter partecipare alla gestione dei vari livelli del vivere sociale. E’doveroso, ancora, impegnarsi affinché  la vita  si possa svolgere per tutti in ambiente salubre e sicuro, con iniziative e luoghi atti a promuovere attività culturali,  sportive, di svago e per il tempo libero e ancora di strutture per l’infanzia, l’istruzione, la sanità, la terza età, garantendo servizi per l’igiene pubblica,  la raccolta e il trattamento dei rifiuti, la fornitura di acqua, di energia elettrica, trasporti, mezzi di comunicazione interpersonale e di massa e ogni altro bisogno ritenuto primario.

E’ doveroso impegnarsi affinché le conquiste scientifiche e le loro applicazioni tecnologiche siano utilizzate secondo principi etici che devono essere prioritari rispetto a qualsiasi altra motivazione e, comunque,devono essere utilizzate solo al fine di promuovere una migliore qualità della vita e mai per le cosiddette fabbriche della morte (applicazioni a scopo bellico).

5° GIUSTIZIA ed EQUITA’

OGNI CITTADINO HA IL DOVERE DI IMPEGNARSI PER GARANTIRE A LIVELLO LOCALE E UNIVERSALE

UNA GIUSTIZIA EQUA E SOLIDALE, RISPETTOSA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL’UOMO E DEI POPOLI

E’ doveroso impegnarsi a garantire una giustizia equa e libera dai condizionamenti dei poteri politici e/o economici; una giustizia che rispetti i diritti di difesa e di ricorso, la non reità fino a condanna definitiva, rendendo pubblici i dibattimenti processuali ed escludendo ogni forma di violenza fisica, psicologica e ogni altra forma di tortura o ricatto negli interrogatori degli accusati e dei testimoni. E’ doveroso garantire parità formale e sostanziale fra accusa e difesa nei dibattiti processuali.

E’ doveroso  impegnarsi a garantire l’esclusione dalla giurisprudenza di tutti i Paesi della pena di morte e altre forme di pena degradanti.

E’ doveroso impegnarsi per garantire una informazione e una sensibilizzazione socio- politica corretta, comprensibile e libera da ogni condizionamento e/o interesse di parte, di gruppo, di sistema. 

6° FAMIGLIA

OGNI CITTADINO HA IL DOVERE DI IMPEGNARSI PER GARANTIRE A LIVELLO LOCALE E UNIVERSALE

LA POSSIBILITA’ PER TUTTI DI FORMARSI UNA FAMIGLIA QUALE CELLULA FONDAMENTALE DELLA SOCIETA’ ASSICURANDO UNA ADEGUATA ASSISTENZA

 E’ doveroso impegnarsi a garantire rispetto, amore e la migliore assistenza possibile innanzitutto per la propria famiglia e per la famiglia in senso generale quale cellula fondamentale della società e nucleo privilegiato per l’educazione del futuro cittadino.

E’ doveroso garantire a tutti la possibilità di formarsi un nucleo famigliare secondo la libera scelta delle parti, in età legittimamente riconosciuta e consona alla formazione di questo nucleo sociale, senza condizionamenti predeterminati di nessun genere: famigliare,tradizionale, etnico, religioso, di ceto e/o di condizione economica, favorendone altresì  l’abitazione, la sussistenza economica, la procreazione assistita e, più in generale, una adeguata protezione e assistenza sociale.

7° PROTEZIONE

OGNI CITTADINO HA IL DOVERE DI IMPEGNARSI PER GARANTIRE A LIVELLO LOCALE E UNIVERSALE

UN SOSTEGNO CONCRETO A TUTTE LE POPOLAZIONI IN DIFFICOLTA’ PER GRAVI EVENTI NATURALI O SOCIO-POLITICI

E’doveroso impegnarsi per favorire accoglienza, assistenza alimentare, sanitaria, psicologica e ogni altra forma di assistenza necessaria e utile alle popolazioni colpite da gravi e disastrosi eventi naturali, così come a profughi provenienti da zone di guerra, di povertà estrema, di epidemie gravi, non meno che ai richiedenti asilo politico debitamente identificati in merito ai luoghi di provenienza e quali persone prive di condanne per reati comuni. In questi casi è doveroso favorire la riunione dei nuclei famigliari pregressi e l’integrazione nei Paesi di arrivo e l’eventuale smistamento nel territorio ospitante e/o  libero trasferimento in altri Stati su loro richiesta.

E’doveroso favorire una equa distribuzione a tutti i popoli e in particolare a quelli in difficoltà delle risorse naturali essenziali e, soprattutto, dell’acqua potabile, così come è doveroso combattere i monopoli produttivi, agricoli, commerciali e, in particolare, dei medicinali atti a combattere epidemie endemiche.

8° LIBERTA’ di CULTURA e RELIGIONE

OGNI CITTADINO HA IL DOVERE DI IMPEGNARSI PER GARANTIRE A LIVELLO LOCALE E UNIVERSALE

IL RISPETTO DI TUTTE LE CULTURE, RELIGIONI E MOVIMENTI SPIRITUALI I CUI PRINCIPI NON CONTRASTINO CON QUELLI DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL’UOMO E DEI POPOLI

E’ doveroso impegnarsi per garantire a livello locale e universale il rispetto e la libera manifestazione di tutte le culture, religioni o movimenti i cui principi non contrastino con quelli dei diritti fondamentali dell’uomo e dei popoli e in particolare che non mettano a rischio l’integrità fisica e mentale degli adepti, la libertà di espressione privata e  pubblica, garantendo luoghi di culto e manifestazioni interne ed esterne, senza limitazioni di etnie, tradizioni, forme scismatiche, divisioni storiche, contrapposizioni fideistiche, il tutto con trattamento doverosamente paritario.

È doveroso altresì impegnarsi affinché in tutti gli Stati e a tutti i livelli scolastici si promuovano la pedagogia e l’educazione interculturale e interreligiosa e con esse l’educazione ai diritti e ai doveri fondamentali dell’uomo e alla loro implementazione.

SALVAGUARDIA AMBIENTALE

OGNI CITTADINO HA IL DOVERE DI IMPEGNARSI PER GARANTIRE A LIVELLO LOCALE E UNIVERSALE

IL RISPETTO DEL NOSTRO PIANETA TERRA E DELLA SUA NATURA, SALVAGUARDANDONE LE RISORSE E GESTENDO UNO SVILUPPO SOSTENIBILE

E’ doveroso impegnarsi per garantire in ogni modo a livello locale e universale la tutela della biosfera, rispettando la natura in tutte le sue manifestazioni e diversità, denunciando e perseguendo progetti e attività che violino le norme ambientali e limitando o, dove possibile, interrompendo le attività che inquinino l’atmosfera, il terreno, le acque di superficie e di falda, mari e oceani.

E’ doveroso impegnarsi a progettare lo sviluppo in termini di sostenibilità ambientale sia nel presente che per le future generazioni e a proteggere ogni forma di vita sia animale che vegetale. 

E’ doveroso impegnarsi a provvedere alle necessità energetiche con sistemi sicuri ed ecocompatibili, il più possibile rispettosi della qualità della vita e dell’ambiente. E’ doveroso prevenire e combattere attività umane che disturbino gli equilibri naturali del pianeta. È doveroso altresì fare il possibile per prevenire e combattere gli inevitabili effetti dannosi dati dalle cicliche mutazioni autonome del pianeta Terra come nel caso di terremoti.

10° PROTEZIONE del PIANETA e dello SPAZIO

OGNI CITTADINO HA IL DOVERE DI IMPEGNARSI PER GARANTIRE A LIVELLO LOCALE E UNIVERSALE

L’INTEGRITA’ DEL PIANETA, DELLA STRATOSFERA E DEL SISTEMA SOLARE DA OGNI FORMA DI INQUINAMENTO E DI IMPLOSIONE NUCLEARE

E’ doveroso impegnarsi per garantire a livello universale l’integrità e la salvaguardia della vita nel nostro pianeta e del sistema solare messa in pericolo da vari fattori ma in particolare dall’autentica follia rappresentata dagli arsenali militari in possesso degli oltre 190 stati nazionali con potenti ed innumerevoli armi di nuova generazione e convenzionali, chimiche, batteriologiche e soprattutto con molte migliaia di potentissime testate nucleari che potrebbero far implodere il pianeta distruggendolo e destabilizzando addirittura il sistema solare.

E’ doveroso, quindi, impegnarsi a far sì che si proceda, per la nostra sicurezza di cittadini del mondo, a un progressivo processo di smilitarizzazione del pianeta, con particolare riferimento allo smantellamento urgente delle testate nucleari. 

E’ doveroso altresì impegnarsi a evitare ogni forma di inquinamento globale, di inquinamento della stratosfera e dello spazio, con i residuati di missili, stazioni spaziali, scarti di ogni genere delle missioni spaziali, e le decine di migliaia di satelliti artificiali orbitanti attorno alla terra che in numero sempre maggiore sono fuori controllo.

Follow by Email
Facebook